Home The Reporter The Crazy Magic Band OA4TT....DX d'eccellenza
Italian (Italy)English (United Kingdom)

Main Menù

Written by iw1azj   
There are no translations available.

OA4TT..... DX d'eccellenza...

 

Jack, OA4TT è ritornato all’inizio del mese in Peru’ ed è trascorso un anno da quando, sorprendendo tutta la “community”  dei sei metri  il 25 maggio 2009 regalava il  “DX dell’anno” ad uno sparuto e fortunato gruppo di OM europei.
L’apertura rientrava nel novero di quello non previste, non ipotizzabili, che confermano ancora una volta l’appellativo di magic band ai sei metri.  


Jack ci ha raccontato che alle 19.40z, senza alcun preavviso, ne carrier o beacon, ascolta HA0DU chiamare CQ in cw a 50.117: con un po’ di perplessità gli risponde, completa il qso e grazie alla pronta segnalazione sul cluster collega 32 stazioni tra DL, S5, I, HA, SP, OK, OE, EA. L’apertura termina alle 21.15 z; i segnali ascoltati non sono mai superiori al 559 con QSB e QRM per comprensibile pile-up. Jack interpella altre stazioni sud americane ma nessuno ha ascoltato gli europei, forse con l’eccezione di HK3O.

 



Il qth di OA4TT si trova a 140 km a sud di Lima e le Ande in direzione dell’Europa si trovano a soli 60 km, con picchi 8000 metri: la particolarità e’ che si trova esattamente a cavallo dell’equatore geomagnetico, nella fascia tropicale ad alta ionizzazione responsabile di TEP nei massimi del ciclo solare.  Che tipo di propagazione ha consentito i qso? Come sovente capita per i collegamenti al di fuori della norma, certezze non ve ne sono: l’ipotesi piu’ probabile è che ci si sia avvalsi di propagazione F2 nella fascia equatoriale, linkata da ES a salto multiplo sino all’intersezione con i 20° nord di latitudine geomagnetica (2-3 hop).


A suffragio di questa ipotesi sono state le caratteristiche del segnale di OA4TT ricevuto in Europa, segnale affetto da fadig e flutter tipico di collegamenti attraverso o all’interno della “TEP zone”.
Ci sono però due aspetti che contrastano parzialmente con questa ipotesi: le condizioni di ionizzazione F2 della fascia TEP alla fine di maggio sono prossime al minimo stagionale, in quanto il picco e’ a cavallo dell’ equinozio di primavera (come il TEP insegna) e le condizioni di ES, peraltro molto intense per tutta la giornata, erano prevalentemente in direzione nord-ovest e non gia’ verso il Sud America.



Mappa ES 19:45-20.30z (in marrone i qso nella mezz’ora antecedenti l’apertura, in rosso i successivi)


Cosa succede in JN35? Alle 17.12 z collego un EA7 e un CT1 poi non ascolto piu nulla in direzione Spagna; tra le 18.30 e le 19.45 l’ES si apre verso PA, G, e TF dove collego una decina di stazioni. Al primo spot di OA4TT giro l’antenna a 240° ma solo alle 20.10 z inizio ad ascoltare Jack 519-539. Alle 20.20 il segnale aumenta a 559 e e riesco a passare dopo un paio di tentativi con soli 100 W (!). Ascolto ancora Jack per 5 minuti ma quando quando passa IK5MEN e IK5MEJ il segnale sparisce nel noise.
Mentre gli amici della chat ON4KST continuano a domandarsi, io compreso, se si tratta di  una “bufala”, l’amico Pat 9A5CW mi invia un spettacolare file audio del mio qso, ascoltato in condizioni strepitose di back-scatter, condizioni da me assolutamente non percepite (Pat dista da Torino circa 500 km e via tropo ci ascoltiamo solo in cw con segnali  estremamente bassi). Dal file mp3 si evince chiaramente l’effetto “TEP like”  di OA4TT; il qrk è lo stesso ricevuto da me.
Questo in sintesi il resoconto; OA4TT e gia’ stato lavorato nella scorsa settimana in CT e EA7; allora non mi resta che augurare agli amici  del Six Italia  di avere la mia stessa “fortuna” nei prossimi giorni.


 

 

 

 

73 de Silvio IW1AZJ

 

 
Copyright © 2017 SIXITALIA.org. All Rights Reserved.
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.