Italian (Italy)English (United Kingdom)

Main Menù

E51SIX EME DX PDF Print E-mail
THE REPORTER - EME - Earth Moon Earth
Written by IW5DHN   
Monday, 30 March 2009 21:42
There are no translations available.


E51SIX EME DX in 50 Mhz

 

Chi ha detto che durante il picco minimo del ciclo solare i sei metri non offrono alcuna possibilità di fare buoni DX?

Niente di più falso!

Chiunque abbia almeno una buona yagi sei elementi, la potenza massima consentita dalla normativa e un QTH lontano dai rumori talvolta presenti nella nostra affascinante banda può tentare collegamenti veramente strabilianti anche (e soprattutto) in condizioni di propagazione chiusa.

I più fortunati potranno addirittura aggiungere qualche “new one” alla propria lista DXCC, considerato che ormai le maggiori spedizioni DX portano con sé molto spesso anche una adeguata attrezzatura per i 50 Mhz.

Addirittura vi sono OM che organizzano spedizioni appositamente per il popolo dei seimetristi, talvolta concentrandosi sull’attività EME che, in questo periodo di minimo ciclo solare, è quella che può riservare le maggiori soddisfazioni.

Questo è quanto è accaduto per E51SIX, una spedizione organizzata da W7GJ Lance che con alcuni amici ha deciso di attivare South Cook Island in 50 Mhz. Per l’occasione Lance si è fatto costruire appositamente dalla M2 una nuova antenna ad 8 elementi, su suo progetto, caratterizzata da un buon guadagno, lobi secondari ridotti e facilità di montaggio e smontaggio: l’ideale per una Dxspedition. La potenza era assicurata da un amplificatore capace di erogare circa 1 kW.

Inutile dire che E51 rappresentava una ghiottissima occasione per molti per incarnierare un nuovo DXCC e per incrementare la propria lista di initials via EME. Ciò valeva anche per il sottoscritto che quindi si è attivato per poter essere presente in shack al momento dell’inizio delle operazioni, previste per il giorno 26 marzo 2009 al Moonrise di E51SIX, alle 16.45z.

C’era molto interesse per questa spedizione e quindi, comprensibilmente, all’ora del presunto inizio delle trasmissioni erano molte le stazioni in Europa pronte a chiamare DX via Luna sulla frequenza prestabilita di 50.190 Mhz utilizzando il software JT65A. Lance, secondo lo skedule, avrebbe dovuto chiamare durante il primo periodo di trasmissione (minuti pari) ed il resto del mondo avrebbe risposto durante la seconda sequenza di trasmissione.

A causa delle evidenti difficoltà logistiche locali di South Cook, non poteva essere assicurata la connessione Internet durante l’attività radio. Questo avrebbe reso certamente più complicata la gestione dell’eventuale pile up, ma certamente più intrigante e gratificante il riuscire a completare il QSO con la rarissima stazione DX.

Alle 16.45z, quindi, almeno una ventina di stazioni europee (facilitate dal fatto che il Moonrise a South Cook Island coincideva con il Moonset in Europa) e tre o quattro di stazioni americane (dotate di sistema di elevazione dell’array) avevano le antenne puntate sulla Luna in fremente attesa di un qualche segnale proveniente da E51SIX.

Da parte mia c’era un po’ di apprensione perché al mio QTH, solitamente molto silenzioso, registravo un rumore statico di circa 4db sopra la media. Questo avrebbe certamente reso più difficoltoso poter ascoltare Lance. Purtroppo la Luna era per me a soli 7 gradi sopra l’orizzonte e quindi non potevo neppure utilizzare l’elevazione delle antenne per cercare di ridurre il rumore concentrando il lobo di irradiazione verso il cielo. Pazienza, e comunque non tutti i mali vengono per nuocere: se infatti non potevo elevare il sistema di antenna, potevo comunque avvantaggiarmi del ground gain che nel mio caso, con il Moonset sopra il mare, raggiunge valori di assoluto rispetto consentendomi talvolta di sentire i miei echi anche con la Luna tramontata ad oltre 1 grado sotto l’orizzonte!

Valeva quindi certamente la pena tentare il collegamento, confidando anche sulla enorme ed indiscutibile esperienza di W7GJ nella attività EME in 50 Mhz.

In effetti ero molto preoccupato anche per il possibile accavallarsi di segnali sulla frequenza di chiamata che avrebbe potuto impedire a E51SIX una corretta decodifica. A tale scopo la chat di ON4KST è risultata veramente utile. È stato infatti possibile concordare con gli altri OM impegnati nelle chiamate uno spread adeguato, tale da consentire la necessaria separazione delle portanti. Questo avrebbe certamente facilitato Lance nella già di per sé difficile operazione di decodifica che sarebbe avvenuta in modalità random (non potendo sapere chi, in quel particolare momento, lo stesse chiamando).

Alle 16.53z Mick W1JJ riportava il primo segnale ricevuto da parte di E51SIX: il rapporto era basso, intorno ai -28db, ma almeno avevamo avuto la conferma che Lance era attivo e stava chiamando CQ!

Dopo neppure 5 minuti ON4GG completava il QSO e a seguire riusciva ad aggiudicarsi l’ambito country anche suo fratello ON4IQ. Entrambi questi OM utilizzano lo stesso array di 4x9 elementi con elevazione.

Da parte mia, intanto, la frustrazione aumentava poiché non riuscivo ancora a vedere traccia su Spectran di Lance a causa del rumore.

Dopo alcuni minuti PE1BTX riceve a sua volta conferma del QSO: Gerard utilizza un sistema di antenna del tutto simile al mio, composto da 4x7 elementi con capacità di elevazione, per un guadagno complessivo di circa 16,5dbd.

Ed io, invece, ancora non sentivo niente! La Luna intanto calava inesorabilmente verso l’orizzonte…

W1JJ intanto continuava a riportare ascolti e decodifiche di Lance con buoni rapporti, mentre in Europa si continuava a chiamare nella speranza di vedere il proprio call nella stringa di risposta di WSJT.

Improvvisamente, quando ormai la Luna era per me a soli 3 gradi sopra l’orizzonte, sono riuscito a decodificare E51SIX a -29db (molto basso) che chiamava CQ.

A quel punto ho cercato di non perdere il segnale incrementando la soglia di intervento del NB del mio IC-7800 allo scopo di tentare un abbattimento del rumore statico. Ho quindi orientato al meglio le antenne in direzione della Luna (il lobo di irradiazione delle 4x7jxx è ovviamente molto stretto) e ho incrociato le dita, confidando nel fatto che proprio intorno ai 3 gradi di elevazione della Luna ricevo normalmente gli echi migliori.

Ed infatti al passaggio successivo riuscivo a vedere su Spectran una chiara portante e ricevevo la agognata stringa correttamente decodificata dal programma: IW5DHN E51SIX  BG08 OOO. Lance, nonostante il pile up (veramente inconsueto per un collegamento EME in 50 Mhz!) mi aveva ascoltato e mi stava rispondendo!

Ho trasmesso subito al passaggio successivo il rapporto RO e mi sono messo in attesa delle RRR che E51SIX avrebbe dovuto a sua volta inviare. Il tempo però stringeva e la Luna era ormai a soli 2 gradi sull’orizzonte. In quei momenti mi assale sempre una piacevole eccitazione che contrasta marcatamente con il timore di non farcela a completare il collegamento. È in quei frangenti che ti rendi conto che il nostro romantico satellite artificiale non è affatto immobile nel cielo ma, anzi, si muove assai velocemente, quasi a rincorrere il meritato riposo nascondendosi sotto l’orizzonte per poi riaffacciarsi qualche ora dopo, ormai rigenerato, ad est.

I minuti intanto passavano ma di Lance nessun segno: solo rumore.

Quando ormai la Luna era pressoché tramontata (al pari delle mie speranze!), a solo mezzo grado sopra l’orizzonte, ecco su Spectran comparire dapprima debolissime, poi chiare e costanti, le inconfondibili brevi linee parallele che vengono poi decodificate dal software in RRR: erano deboli, a soli -29db, ma l’importante era averle ricevute! Al passaggio successivo le ricevevo ancora chiaramente sempre a -29db, quando la Luna era ormai soltanto a 0,2 gradi sopra l’orizzonte!

Ce l’avevo fatta! Il collegamento poteva ritenersi completato e un nuovo DXCC ed un nuovo initial erano a log! Inutile inviare i 73 a E51SIX, tanto la Luna era ormai per me tramontata.

Sulla chat, intanto, venivo gratificato dalle tante stazioni che mi trasmettevano i loro complimenti e felicitazioni per il QSO appena completato.

Anche Mick W1JJ e Mike K6MYC avevano ricevuto le RRR che E51SIX mi stava trasmettendo e che alle loro stazioni arrivavano chiare e con maggiore segnale di quanto non le ricevessi io, ormai con la Luna quasi del tutto tramontata.

In effetti tutti, in Europa ed in USA, eravamo convinti che E51SIX nel primo giorno di attività da South Cook Island avesse collegato via EME in sei metri 4 stazioni: ON4GG, ON4IQ, PE1BTX e IW5DHN.

E invece no!

Quando K6MYC riesce a parlare con Lance durante le ore successive sui 20 metri, riceve conferma dei primi tre collegamenti completati, mentre per quello con IW5DHN Lance riferisce che non poteva essere considerato terminato a causa di una interruzione della corrente elettrica che aveva spento tutte le apparecchiature radio ed il PC di stazione.

Che delusione, eppure le RRR le avevo perfettamente ricevute per ben due volte! E con me le avevano ricevute anche altre stazioni!

Pazienza, in questi casi più che i formalismi ed i protocolli che regolano le norme internazionali che la IARU ha stabilito in materia di QSO regolarmente completati, contano i fatti: per Lance il QSO non era stato perfezionato, e tanto valeva!

Occorreva riprovarci.

Fortunatamente Mick W1JJ era riuscito nel frattempo ad avvertirmi via e-mail di quanto Lance aveva inaspettatamente riferito a Mike e il giorno dopo, al Moonrise di E51SIX, ero di nuovo nello shack per tentare ancora.

IL rumore statico era ancora a circa 4db sopra la soglia usuale, ma la Luna era intorno ai 10 gradi sopra l’orizzonte e così, elevando le antenne, riuscivo a ridurlo di un paio di db.

Subito dopo il Moonrise a South Cook,  Mike K6MYC riusciva a completare il QSO. Io nel frattempo non sentivo niente…

I segnali di Lance, stando ai rapporti che le varie stazioni riportavano sulla chat, sembravano buoni come nel giorno precedente, ma io non lo ascoltavo affatto. Né Lance ascoltava altri corrispondenti dopo il QSO con Mike, poiché continuava a chiamare CQ.

Poi, con la mia Luna a circa 6 gradi sull’orizzonte, lo ricevo chiaramente a -25db mentre continuava a chiamare CQ.

Passavo subito a trasmettere i calls e le OOO, conformemente al protocollo concordato in precedenza, in attesa di ricevere a mia volta lo stesso messaggio.

Nel frattempo sia l’Europa che gli USA continuavano a chiamare E51SIX originando il secondo giorno di pile up consecutivo: evento unico per una spedizione EME in 50 Mhz!

Finalmente alle 18,22z Lance mi rispondeva con ottimo segnale: 182200 1 -26 3.0 16 3 # IW5DHN E51SIX BG08 OOO.

Inviavo subito le RO e già al passaggio successivo ricevevo la agognata risposta: 182400 10 -26 15 3 RRR.

I segnali erano stabili a -26db e la mia Luna era ancora sufficientemente alta sull’orizzonte, a circa 4 gradi: tempo quindi ce ne era ancora, così sono passato a trasmettere i 73 nel tentativo di far capire a Lance che le RRR erano state correttamente ricevute. Questo ulteriore passaggio non è necessario ai fini della certificazione del QSO, ma visto quello che era successo il giorno prima non volevo rischiare!

Mi scusavo quindi sulla chat con le altre stazioni in coda e le avvertivo che avrei continuato a mandare i 73 fintanto che Lance non avesse di nuovo chiamato CQ.

Ed in effetti, dopo circa 5 minuti, Lance terminava di trasmettere le RRR e rispondeva alla chiamata di Mick W1JJ: potevo a quel punto mettere a riposo il tubo della mia GS35b e considerare, questa volta con certezza assoluta e senza tema di smentita, completato il QSO.

E51SIX è stato per me il DXCC # 190 e l’initial # 98 in 50 Mhz.

Posso inoltre dire di essere stata l’unica stazione ad aver avuto ben due QSO EME (e per giunta del tutto autorizzati dai membri della dxpedition!) con South Cook Island, riuscendo così a raddoppiare il divertimento e la soddisfazione del collegamento.

Dopo di me molte altre stazioni hanno continuato a chiamare, altre si sono limitate a tentare l’ascolto dei segnali di E51SIX provenienti dalla superficie lunare, e molti hanno avuto successo!

Mi piace evidenziare che l’amico Riccardo IK5MEN è riuscito ad ascoltare E51SIX in più occasioni utilizzando una singola antenna di 5 elementi costruita da I0JXX: la cosa è eccezionale se si considera che Lance stava trasmettendo con una sola 8 elementi e non più (si fa per dire) di 1 kW!

Questa è la conferma che con un pizzico di fortuna, un buon QTH e un po’ di “manico” i sei metri possono dare grandi soddisfazioni per tutta la durata undicennale del ciclo e regalare DX da sogno anche quando il Sole si prende i suoi anni di periodico e meritato riposo!

IW5DHN Matteo

 

 

 

Last Updated on Tuesday, 31 March 2009 12:03
 
Copyright © 2017 SIXITALIA.org. All Rights Reserved.
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.