Italian (Italy)English (United Kingdom)

Main Menù

Dicembre 2008
Written by IK0FTA   
There are no translations available.

Cari soci, gentili amici,
è con piacere che formulo a voi e le vostre famiglie i più sinceri auguri di buon Natale e felice 2009.
L'anno che va a concludersi è stato un altro anno difficile per l'attività del Gruppo ma grazie al lavoro di Marco IK5ROS, Claudio IK5RLP e di Alessandro IV3AKZ (già IW0GPN), le attività del sito Web, gradualmente e costantemente, tendono ad essere implementate. La speranza è che assieme al lavoro di Cesare,  I0VHL, Alessandro, IK0VAQ ed Andrea, N5KME, l'attività possa riprendere rapidamente e che il Gruppo riacquistare quella dinamicità e quella operatività che lo ha contraddistinto sin dalla sua fondazione.

Nel quadro di questo ritrovato vigore e di rinnovamento è mia intenzione, a decorrere da questo mese, realizzare una serie di articoli per incoraggiare gli appassionati a riscoprire (o scoprire) il piacere dell'attività in 6m. Sarebbe mia intenzione dedicare questo spazio al contatto diretto con Voi per creare quel “filo rosso” che dovrebbe legare tutti gli appassionati. Vi invito perciò a: suggerire argomenti, sottoporre domande, presentare riflessioni. Cercherò, nei limiti del tempo e dello spazio di dare risconto alle vostre istanze. L'indirizzo, riservato a tal fine è: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it .

Per rompere il ghiaccio, in questo articolo “iniziale”, mi sostituirò ad un astrologo e, dopo aver presentato un breve consuntivo dell'attività, sui sei metri, dell'anno appena trascorso, fornirò alcune indicazioni su ciò che potrà avvenire in quello prossimo.
 
Durante l'anno 2008, grazie alla propagazione via strato “E sporadico”, sono stati possibili molti collegamenti interessanti in particolare con l'area del Centro America e dei Caraibi, la parte settentrionale del Sud America e con l'Asia fino al Giappone. Segnalati, in Europa, anche QSO con le Filippine. Tra i QSO con paesi più “rari” indico (a puro titolo di esempio) quelli con il Messico, il Venezuela, Sable Is., il nuovo country DXCC Saint Barthelemy nonché il gradito ritorno dopo alcuni anni di non attività o scarsa propagazione dei segnali provenienti del Gabon e dall'Uzbekistan e dall'Afganistan.
Nell'autunno sono state anche segnalate, nella parte più estrema della penisola, frequenti aperture serali, via TEP, con i beacons ZD7 e ZD8 (tnx I2ADN).
Se l'Europa non ha vissuto una entusiasmante stagione di TEP  nel continente americano, invece, assieme a quello australe, si sono già verificate frequenti aperture (fenomeni che usualmente precedono gli eventi in Europa) .

Cosa ci si può attendere dal 2009?  Presumibilmente, nella primavera, dovrebbero ricomparire dei segnali di TEP provenienti dall'Africa centrale e meridionale. Le probabilità maggiori dovrebbero manifestarsi tra fine febbraio e metà aprile per lasciare, poi, il posto all'usuale propagazione Es estiva.
L'autunno, sole permettendo, dovrebbe delineare aperture TEP frequenti sia verso l'Africa, nelle ore pomeridiane, ma anche, seppur molto raramente, serali col Sud America. Tali fenomeni interesseranno prima le latitudini più meridionali per poi estendersi alle latitudini più alte col passare dei  mesi.
Nel complesso, a mio giudizio, credo sia ancora prematuro sperare in fenomeni legati allo strato F2; l'attuale  “tranquillità” del sole non sembra lasciar presagire tali fenomeni; anche se l'attività dovesse riprendere è necessario un certo “assestamento” per ottenere condizioni durature di propagazione, mentre tutto lascia supporre che l'attività “massiva” avrà inizio non prima dell'autunno 2010 o, addirittura nel 2011.

Nel rinnovare i miei auguri invio affetuosi 73'

Sergio, IK0FTA

 
Copyright © 2017 SIXITALIA.org. All Rights Reserved.
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.